Log In   |     
CET

Dettaglio Gara

Numero Gara: 6256886 - Sistema di rilevazione presenze e controllo accessi di IPZS



Dettaglio Gara

Comprimi
Dettaglio Gara

Tenders electronic daily - Comunicazioni pubblicate

Comprimi
Tipo comunicazionePortale eSenders
Avviso di Aggiudicazione (Rif. 100189) Visualizza
Avviso Complementare/Correzione (Rif. 100117) Visualizza

Documentazione di gara

Comprimi
Documentazione di Gara
Gara
 
Allegato A - Condizioni generali dei contratti di lavori, servizi e forniture dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A.
    
(146,58 kB)  
Allegato B - Capitolato Tecnico
    
(903,88 kB)  
Allegato C - Schema di contratto
    
(103,42 kB)  
Allegato D Dichiarazione di possesso dei requisiti di partecipazione
    
(79,29 kB)  
Allegato E - Dettaglio offerta economica
    
(12,82 kB)  
Allegato F - Ulteriore dichiarazione
    
(49,66 kB)  
Allegato G - DUVRI
    
(2,25 MB)  
Allegato H - Accordo di riservatezza
    
(16,57 kB)  
Bando di gara
    
(134,72 kB)  
Disciplinare
    
(582,02 kB)  
 
1.1 Domanda di partecipazione [Amministrativa - Invio telematico - Obbligatorio e Multiplo - Invio Non Congiunto - Richiesta Firma Digitale]
    
Non è presente alcun documento
1.2 Procura [Amministrativa - Invio telematico - Dinamico - Invio Non Congiunto]
    
Non è presente alcun documento
1.3 Dichiarazione titolari, soci, amministratori e direttori tecnici [Amministrativa - Invio telematico - Dinamico e Multiplo - Invio Non Congiunto - Richiesta Firma Digitale]
    
(49,15 kB)  
1.4 Dichiarazione soggetti cessati [Amministrativa - Invio telematico - Dinamico e Multiplo - Invio Non Congiunto - Richiesta Firma Digitale]
    
(49,15 kB)  
1.5 Dichiarazione dissociazione reati cessati [Amministrativa - Invio telematico - Dinamico e Multiplo - Invio Non Congiunto - Richiesta Firma Digitale]
    
Non è presente alcun documento
1.6 Atto costitutivo RTI/GEIE/Consorzio [Amministrativa - Invio telematico - Dinamico e Multiplo - Invio Congiunto - Richiesta Firma Digitale]
    
Non è presente alcun documento
1.7 Mandato speciale con rappresentanza conferito all'operatore economico designato quale mandatario e relativa procura rilasciata al rappresentante dell'Impresa mandataria/capofila [Amministrativa - Invio telematico - Dinamico e Multiplo - Invio Congiunto - Richiesta Firma Digitale]
    
Non è presente alcun documento
1.12 Dichiarazione di possesso dei requisiti di partecipazione [Amministrativa - Invio telematico - Obbligatorio - Invio Congiunto - Richiesta Firma Digitale]
    
Non è presente alcun documento
1.13 Ulteriore Dichiarazione [Amministrativa - Invio telematico - Obbligatorio - Invio Non Congiunto - Richiesta Firma Digitale]
    
Non è presente alcun documento
1.14 Certificazione UNI EN ISO 9001/2008 [Amministrativa - Invio telematico - Facoltativo e Multiplo - Invio Non Congiunto]
    
Non è presente alcun documento
1.15 D.U.V.R.I. sottoscritto per accettazione [Amministrativa - Invio telematico - Obbligatorio e Multiplo - Invio Non Congiunto - Richiesta Firma Digitale]
    
Non è presente alcun documento
1.16 Verbale di sopralluogo [Amministrativa - Invio telematico - Obbligatorio e Multiplo - Invio Congiunto]
    
Non è presente alcun documento

Dettaglio Lotti

Comprimi
Dettaglio Lotti


Documentazione dei lotti

Comprimi
Documentazione dei Lotti
Lotto n.: 1
  Documentazione Amministrativa
1.10 Garanzia a corredo dell'offerta [Amministrativa - Invio telematico - Dinamico e Multiplo - Invio Congiunto - Richiesta Firma Digitale]
    
Non è presente alcun documento
1.11 Attestazione del pagamento contributo A.N.AC. [Amministrativa - Invio telematico - Dinamico e Multiplo - Invio Congiunto]
    
Non è presente alcun documento
1.8 Dichiarazione Impresa ausiliaria in caso di avvalimento [Amministrativa - Invio telematico - Dinamico e Multiplo - Invio Non Congiunto - Richiesta Firma Digitale]
    
(77,82 kB)  
1.9 Contratto di avvalimento [Amministrativa - Invio telematico - Dinamico e Multiplo - Invio Non Congiunto - Richiesta Firma Digitale]
    
Non è presente alcun documento
  Documentazione Tecnica
Relazione Tecnica [Tecnica - Invio telematico - Obbligatorio e Multiplo - Invio Congiunto - Richiesta Firma Digitale]
    
Non è presente alcun documento
Scheda tecnica compilata [Tecnica - Invio telematico - Obbligatorio - Invio Congiunto - Richiesta Firma Digitale]
    
Non è presente alcun documento
  Documentazione Economica
Dettaglio offerta economica [Economica - Invio telematico - Obbligatorio - Invio Congiunto - Richiesta Firma Digitale]
    
Non è presente alcun documento
Offerta Economica [Economica - Invio telematico - Obbligatorio - Invio Congiunto - Richiesta Firma Digitale]
    
Non è presente alcun documento



Chiarimenti

Comprimi
 MessaggioDocumenti
12
Page size:
select
 12 items in 2 pages

Data: giovedì 24 marzo 2016

 DOMANDA
1: Gestione complessità della password

A pagina 25 del capitolato tecnico si riporta che il sistema deve consentire la personalizzazione delle regole di complessità delle password e della definizione della scadenza.

Si chiede se tale funzione può essere coperta con l'integrazione nella applicazione della funzione LDAP Active Directory. In sintesi le password verrebbero gestite a livello centralizzato dall'Active Directory attraverso un tool standard aziendale.

2: Segregazione dei dati di Rilevazione Presenze e controllo accessi

A pagina 10 del capitolato si cita il fatto che il sistema di gestione deve prevedere la separazione delle timbrare di accesso da quelle di presenza, per finalità legate alla sicurezza e alla gestione delle presenze, da parte delle strutture organizzative.

Alla luce del fatto che tutti o la maggior parte dei terminali di tipo A saranno montati sui tornelli e quindi con una doppia funzione di Rilevazione Presenze e Controllo Accessi, non ci è chiaro come sia possibile eseguire questa segregazione.

In altre parole, la timbratura effettuata sul tornello è unica e contemporaneamente di competenza di HR a cui viene immediatamente inoltrata ma anche del responsabile della sicurezza che deve poter controllare i transiti su questi varchi perimetrali, sono informazioni attinenti allo scopo del Responsabile della sicurezza, deve cioè poter verificare cosa accade sul perimetro dell'azienda e quindi poi bloccare o abilitare l’accesso ai varchi, il responsabile della sicurezza deve poter tracciare i percorsi all'interno dell'edificio e delle aree, infine è necessario sapere sempre dove si trovano le persone ed in quale momento hanno timbrato e dove, sempre ai fini della sicurezza. 

Quindi non capiamo in che modo si possa privare gli operatori della sicurezza del dato della timbratura eseguita sui tornelli, anche se questa avrà contestuale valore di presenza.

Resta fermo il fatto che per operatori di sicurezza di livello più basso come gli operatori di portineria ecc. si possono creare profilazioni utente per mascherare o inibire la visibilità di queste informazioni.

3: Presenze Privacy

A pagina 10 si cita che il fornitore dovrà fornire una soluzione HW e SW in conformità alla normativa sulla privacy e sul trattamento dei dati personali e sensibili secondo la normativa vigente.

Alla luce del fatto che il dato anagrafico e la timbratura di presenza non sono un dato sensibile, vorremmo quindi comprendere meglio a quale norma esattamente o caso specifico si fa riferimento. Quali sono le specifiche a cui ci si deve attenere. Non facciamo riferimento in questa domanda agli aspetti relativi alla privacy per i lettori biometrici che sono ben chiari.

4: Sistemi Operativi e base dati

A pagina 30 del capitolato tecnico, paragrafo 5.2.1 si indica che nell'offerta vanno ricompresi i costi per le "SUBSCRIPTION" dei sistemi operativi e base dati.

Le licenze dei Sistemi Operativi e dei SW per la base dati saranno acquistati e licenziati per IPZS e quindi per sempre di proprietà di IPZS; quindi cosa si intende esattamente con il termine "SUBSCRIPTION"?

5: Sistema Server

A pagina 31 del capitolato tecnico, si indica che i server fisici sono a 16 core con “architettura x86”. Questa indicazione “x86” sembra intendere la presenz di una architettura server a 32 bit. E’ da ritenersi un refuso? E’ possibile fornire soluzioni con piattaforme di ultima generazione a 64 bit?

 

RISPOSTA
Per le risposte ai quesiti posti si rinvia al file allegato.
    
(275,93 kB)  

Data: giovedì 17 marzo 2016

 DOMANDA
Con riferimento al paragrafo “1.13 Ulteriore Dichiarazione”  del Disciplinare di gara i valori 400.000,00 e 150.000,00 possono essere un complessivo cumulo di contratti di eguale genere, nel periodo da voi indicato?

RISPOSTA

Si conferma che il possesso sia del requisito delle forniture analoghe che dei servizi analoghi può essere riferito tanto ad un solo contratto quanto a più contratti di importo complessivo non inferiore Euro 400.000,00 IVA esclusa per le forniture analoghe e ad Euro 150.000,00 IVA esclusa per i servizi analoghi.

 

Data: martedì 15 marzo 2016

 DOMANDA
Rif: Allegato E - Servizio di supporto specialistico. Considerando la tabelle salariali minime relative ai Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro (CCNL), tenendo conto degli oneri accessori, delle spese generali e di un minimo di utile d’impresa, tale prezzo può essere giustificato solo facendo ricorso, per esempio, a personale del 4° livello del CCNL dei Metalmeccanici. Tuttavia, il personale a questo livello contrattuale non può essere considerato a tutti gli effetti come “specializzato”. Di conseguenza, risulterebbe impossibile giustificare il prezzo offerto in un’eventuale relazione giustificativa ai sensi dell’art.86, comma 2, del D.Lgs. n.163/2006 (criteri di individuazione delle offerte anormalmente basse). Si chiedono pertanto dei chiarimenti.


RISPOSTA
La stima del costo giornaliero della figura professionale richiesta per il servizio di supporto specialistico è in linea con i prezzi medi di mercato.






 DOMANDA

Nel paragrafo "1.10 Garanzia a corredo dell’offerta" del Disciplinare, si chiede di caricare a sistema l’impegno di un fideiussore a rilasciare la garanzia fideiussoria per l’esecuzione del contratto. Se tale dichiarazione è riportata nella polizza assicurativa a garanzia dell’offerta è necessario comunque fornire ulteriore dichiarazione separata?

 




RISPOSTA
L’impegno di un fideiussore a rilasciare la garanzia fideiussoria per l’esecuzione del contratto, da caricare sul Sistema in formato elettronico, può essere contenuto tanto nello stesso documento in cui è contenuta la garanzia dell’offerta quanto in un documento separato, da caricare sul sistema nel medesimo spazio relativo alla garanzia.

Data: martedì 8 marzo 2016

 DOMANDA

1) Capitolato tecnico - Rif: paragrafo 4.1, punto 2.a - manutenzione. Si chiede di confermare che il servizio di manutenzione/movimentazione richiesto non comprende anche la manutenzione/movimentazione dei tornelli.

2) Capitolato tecnico - Rif: paragrafo 5.1 - installazione. Si riporta che la fornitura dei lettori comprende “[l’] installazione in loco di lettori e del relativo hardware a supporto, come apparati di controllo, concentratori, switchs, infrastrutture di  comunicazione, ecc. ”Si chiede di chiarire cosa si intende per switch ed infrastrutture di  comunicazione considerato che le reti LAN e WAN non sono oggetto della presente gara.


3) Capitolato tecnico - Rif: paragrafo 5.1 - installazione.
Poiché si specifica che “laddove necessario, su richiesta di IPZS, [è necessario] prevedere la posa in opera dei cavi dati ed elettrici necessari” e in considerazione del fatto che non è possibile determinare a priori, in mancanza di un sopralluogo accurato ed esecutivo, l’entità dei cablaggi richiesti, si chiede di voler precisare la quantità massima di cavi dati ed elettrici la cui fornitura e posa potrà essere richiesta all'azienda aggiudicataria. Inoltre, si chiede di precisare se tali cablaggi devono prevedere anche la fornitura e la posa di eventuali canalizzazioni.


4) Capitolato tecnico - Rif: paragrafo 5.1.1 - Lettori tipo A.
Relativamente alla “capacità di distinguere le timbrature in ingresso dalle timbrature in uscita” dei lettori presenze, si chiede di specificare se la determinazione del verso può essere ottenuta mediante tasto funzione oppure se è richiesta una doppia testa RFID.


5) Capitolato tecnico - Rif: paragrafo 5.1.1 - Lettori tipo A.
Poiché è richiesta la “verifica univocità passaggio e gestione delle relative anomalie” dei lettori presenze, si chiede di confermare che i tornelli esistenti dispongono degli opportuni sensori, il cui stato è messo a disposizione dei terminali mediante I/O digitali.


6) Capitolato tecnico - Rif: paragrafo 5.1.1 - Lettori tipo B.
Si chiede di confermare che per il terminale di tipo B (ad esclusione dei 10 pezzi citati) non è richiesto un display e non ci sono ulteriori vincoli tecnologici o dimensionali oltre a quelli menzionati nel capitolato tecnico.


7) Capitolato tecnico - Rif: paragrafo 5.1.1 - Lettori tipo D.
Si chiede di confermare che, ai fini del risparmio di banda e per la conseguente riduzione dei costi telefonici, la trasmissione dei dati delle timbrature dei terminali con modem cellulari può essere eseguita in modalità “batch” (molteplici timbrature in una singola trasmissione) piuttosto che per ogni singola transazione.


8) Capitolato tecnico - Rif: paragrafo 5.1.1 - Lettori tipo D.
Si chiede di precisare quale tipologia di installazione è prevista per i terminali di tipo D (fissa o mobile?). Inoltre, si chiede di confermare che anche per questi terminali è prevista un’alimentazione a 220 Vca.


9) Capitolato tecnico - Rif: paragrafo 5.1.1 - Lettori tipo D.
Si chiede di confermare che la fornitura delle schede SIM per i modem cellulari dei terminali di tipo D non rientra nella fornitura.


10) Capitolato tecnico - Rif: paragrafo 5.1.1 / Disciplinare cap. 2 - Offerta tecnica.
Si chiede di specificare se eventuali datasheet e manuali operatore rientrano nelle 100 pagine che costituiscono la lunghezza massima dell’offerta tecnica.


11) Capitolato tecnico - Rif: paragrafo 5.2 - certificazione SAP
. Si chiede di confermare che la certificazione SAP del software applicativo proposto deve essere allegata all’offerta tecnica.


12) Capitolato tecnico - Rif: paragrafo 5.2 - funzionamento in locale
. Poiché viene richiesta la disponibilità “anche in caso di mancanza di collegamento con il sistema di gestione centralizzato“ delle anagrafiche di personale, esterni e visitatori, è necessaria la presenza di un database locale in ciascuna sede di IPZS. A tale proposito si chiede di:

a) confermare che il database locale andrà ospitato su un PC messo a disposizione da IPZS (per esempio il PC della portineria/reception);

b) confermare che tali PC non fanno parte della fornitura;

c) chiarire se per tale specifica funzione (database e business logic locale) è ammissibile l’installazione di applicativi standard (non web, per esempio il database SQL Server Express) a bordo dei PC di cui sopra;

d) chiarire per quale motivo sia prevista la fornitura di software applicativo per sole 2 postazioni di enrollment, quando la funzionalità di cui sopra richiederebbe l’installazione di software (e la fornitura delle relative licenze) in ciascuna delle 14 sedi interessate dall'intervento.


13) Capitolato tecnico - Rif: paragrafo 5.2 - deposito codice sorgente
. Si chiede di chiarire se è richiesto il deposito del codice sorgente dell’intero software applicativo o solo delle personalizzazioni effettuate per IPZS.


14) Capitolato tecnico - Rif: paragrafo 6.1.2 - manutenzione correttiva
. Si richiede l’intervento “in caso di emergenza e per cause di servizio [anche al di] fuori dal normale orario di lavoro, festività comprese.” Si chiede di specificare la natura di tali circostanze di emergenza e di servizio onde poter quantificare meglio la numerosità degli interventi fuori orario.


15) Capitolato tecnico - Rif: paragrafo 6.1.3 - tuning di sistema e installazione
. Si richiede “un servizio di assistenza sistemistica, consistente nel tuning del Sistema e nella installazione /personalizzazione dei prodotti software precedentemente indicati.”. Si chiede di precisare meglio in cosa consiste l’intervento di tuning e di fornire una stima del numero di interventi richiesti nell'ambito del servizio di garanzia.


16) Capitolato tecnico - Rif. Paragrafo 5.1 / Disciplinare - Rif: paragrafo 4.1
. Considerando il fatto che l’alimentazione POE è considerata come un elemento migliorativo e premiante dal punto di vista tecnico, si chiede di specificare se è ammissibile la fornitura di terminali alimentati solamente in POE oppure se rimane comunque obbligatoria la presenza di un ingresso di alimentazione 220 Vca. 





RISPOSTA
Per le risposte ai quesiti posti si rinvia al file allegato.
    
(351,35 kB)  

Data: venerdì 4 marzo 2016

 DOMANDA

Domanda 1: Pag. 6 - Premessa: punto 3

“consentire la rilevazione degli accessi dei dipendenti e dei visitatori sui varchi di accesso

alle sedi IPZS e/o sulle aree riservate all’interno delle sedi IPZS anche attraverso la lettura

del dato biometrico (impronta)”

E’ richiesta quindi la possibilità di identificare i visitatori per mezzo di lettori biometrici? Se si, dove verrà effettuata la procedura di enrollment?

Domanda 2: Pag. 6 - Premessa: penultimo punto

“garantire l’inoltro dei “Log di sistema” verso gli apparati di Log Management di IPZS;”

Nel resto del documento non viene più citata questa funzione. E’ possibile disporre di maggiori dettagli sulla funzionalità richiesta? Per esempio il sistema di Log Management in uso oppure la tecnologia/protocollo di interfacciamento con tale/i sistema/i? 

Domanda 3: Pag. 10 ultimo capoverso:

“L’Impresa Aggiudicataria dovrà prevedere un sistema di gestione, che consenta la separazione

delle timbrature di Accesso (dipendenti e visitatori) e di Presenza, per le finalità legate

rispettivamente alla Sicurezza e alla Gestione delle Presenze, da parte delle strutture organizzative

IPZS deputate a tali incarichi (rispettivamente Security e Risorse Umane).”

E’ corretto interpretare il requisito come possibilità di profilare la visibilità delle “timbrature” di presenza e dei transiti di Controllo Accessi per categorie di operatori e per singoli specifici operatori?

Domanda 4: Pag. 17- Caratteristiche dei lettori di Presenza / Accessi

“verifica univocità passaggio e gestione delle relative anomalie (eg. passaggio di più persone

a fronte di una sola timbratura);”

Normalmente questa funzionalità è garantita dalla barriera meccanica utilizzata. Tornelli a tripode, tornelli a tutta altezza, bussole rotanti o con doppie porte sono normalmente le barriere che garantiscono il transito di una sola persona alla volta. Una normale porta non lo consente.

La funzionalità richiesta, per ciò che riguarda il terminale, è la capacità di rilevare anomalie segnalate dalla barriera? P.es. sensori anti scavalcamento dei tornelli?

Domanda 5: Pag. 24 - penultimo capoverso e ultimo capoverso

“ gestione locale degli accessi dei visitatori alla sede di pertinenza con relative funzioni di

monitoraggio e reportistica (es. generazione liste di evacuazione, verifica presenze per

area);”

….

“Tutte le anagrafiche, quelle del personale, degli esterni e dei visitatori, dovranno essere disponibili presso i sistemi locali nelle sedi dove è implementato il controllo accessi e disponibili anche in caso di mancanza dicollegamento con il sistema di gestione centralizzato;”

Nel resto del capitolato viene richiesta una architettura con un unico server o cluster di server centrali. Questi due requisiti potrebbero invece descrivere una architettura di sistema che prevede l’esistenza di server locali. Richiediamo chiarimenti relativamente al livello di autonomia richiesto per le sedi locali in caso di mancanza della comunicazione con il/i server centrale/i.



RISPOSTA
Le risposte ai quesiti posti si trovano nel file allegato.
    
(270,55 kB)  
 DOMANDA
a) qualora il terminale sia predisposto per un collegamento nativo POE può essere accettata una alimentazione a 12 V o un eventuale alimentatore 220 V esterno?

b) relativamente ai lettori di tipo C,  dal computo non si evince quanti concentratori attualmente sono installati sul sistema. E’ possibile avere tale indicazione?

c) Relativamente ai lettori di tipo B, il parco installato è costituito da terminali monolitici collegati direttamente LAN oppure da terminali collegati via linea seriale (RS485) a dei concentratori? Nel caso di terminali collegati a concentratori è possibile conoscere il numero attuale di concentratori installati?

RISPOSTA

a) nel caso in cui i terminali siano predisposti per un collegamento nativo POE questi devono rispettare lo standard IEEE 802.3af (fino a 15.4W e fino a 48V). Il collegamento POE non deve essere esclusivo e dev’essere sempre prevista la possibilità di alimentazione elettrica standard a 220V.


b) E' onere della Impresa Aggiudicataria dimensionare il numero di concertatori, in funzione delle capacità previste dai sistemi proposti e dal numero di lettori che dovranno essere gestiti per ogni area di accesso. Per la tipologia di alimentazione elettrica far riferimento alla Risposta 1.


c) Attualmente non abbiamo tali tipi di terminali. Saranno installati per regolare l’accesso in aree di sicurezza di secondo livello dove attualmente sono installati lettori di tipo C o in aree completamente prive di dispositivi per cui sarà necessario prevedere la presenza di concentratori e dell’HW di supporto. Per la tipologia di alimentazione elettrica far riferimento alla Risposta 1.

Data: mercoledì 2 marzo 2016

 DOMANDA

L'importo da indicare nel campo "dati richieste economiche" è quello risultante dal totale complessivo del foglio Exel (dettagli offerta economica)?


RISPOSTA
Sì, l’importo da indicare nel campo denominato “dati richiesta economica” è l’importo totale risultante dal dettaglio di offerta economica.

Data: martedì 1 marzo 2016

 DOMANDA

Avendo indicato nella domanda di partecipazione, generata automaticamente dal sistema e firmata digitalmente dal legale rappresentante, i nomi degli amministratori (1.1)  e  del direttore tecnico (1.2), possiamo ritenerci esonerati dal dover allegare ulteriori singole  dichiarazioni di cui al punto 1.3 del disciplinare di gara?


RISPOSTA
Nel caso in cui il sottoscrittore della domanda di partecipazione decida di rilasciare le dichiarazioni di cui all’art. 38 del D.Lgs. 163/2006 “per me stesso e per gli altri soggetti” tutti gli altri soggetti indicati al medesimo articolo saranno esonerati dal presentare le suddette dichiarazioni.

Data: lunedì 29 febbraio 2016

 DOMANDA
Domanda A
Qualora il terminale sia predisposto per un collegamento nativo POE può essere accettata una alimentazione a 12 V o un eventuale alimentatore 220 V esterno

Domanda B

Relativamente ai lettori di tipo C,  dal computo non si evince quanti concentratori attualmente sono installati sul sistema. E’ possibile avere tale indicazione?

Domanda C
Relativamente ai lettori di tipo B, il parco installato è costituito da terminali monolitici collegati direttamente LAN oppure da terminali collegati via linea seriale (RS485) a dei concentratori? Nel caso di terminali collegati a concentratori è possibile conoscere il numero attuale di concentratori installati?



RISPOSTA
Risposta A
Nel caso in cui i terminali siano predisposti per un collegamento nativo POE questi devono rispettare lo standard IEEE 802.3af (fino a 15.4W e fino a 48V). Il collegamento POE non deve essere esclusivo e dev’essere sempre prevista la possibilità di alimentazione elettrica standard a 220V.  

Risposta B
E' onere della Impresa Aggiudicataria dimensionare il numero di concertatori, in funzione delle capacità previste dai sistemi proposti e dal numero di lettori che dovranno essere gestiti per ogni aree di accesso. Per la tipologia di alimentazione elettrica vale quanto previsto al punto a.)

Risposta C
Attualmente non abbiamo tali tipi di terminali. Saranno installati per regolare l’accesso in aree di sicurezza di secondo livello dove attualmente sono installati lettori di tipo C o in aree completamente prive di dispositivi per cui sarà necessario prevedere la presenza di concentratori e dell’HW di supporto. Per la tipologia di alimentazione elettrica vale quanto previsto al punto a.)


Comunicazioni dell'Amministrazione

Comprimi
 MessaggioDocumenti

Data: venerdì 4 marzo 2016

 Proroga termine per il ricevimento delle offerte

Il termine per il ricevimento delle offerte, originariamente fissato per le ore 12:00 del giorno 15/03/2016, è stato prorogato alle ore 12:00 del giorno 31/03/2016.

 Sono di conseguenza prorogati anche i seguenti termini:
- presentazione delle richieste di chiarimenti: termine prorogato al 17/03/2016;
- operazioni di apertura delle buste virtuali: termine prorogato alle ore 10:00 del giorno 04/04/2016.

 

    
(59,46 kB)  


Indietro